Archivi tag: mobilità elettrica

Mobilità sostenibile, l’Europa sceglie elettrico e digitale

mobilita-sostenibile-e-veicoli-elettrici-l-italia-non-aspetti-troppo-480x280-1728x800_cAbbattere le emissioni di CO2 rendendo la mobilità sempre più sostenibile. Questo l’obiettivo della nuova Strategia europea sulla mobilità sostenibile dell’Unione europea pubblicata da Bruxelles la settimana scorsa.

“I trasporti costituiscono un quarto delle emissioni di gas a effetto serra dell’Europa e sono la causa principale dell’inquinamento atmosferico – ha dichiarato Violeta Bulc, Commissaria UE per i Trasporti europei – La transizione verso una mobilità a basse emissioni è pertanto fondamentale per raggiungere gli ambiziosi obiettivi dell’UE in materia di clima e per migliorare la qualità della vita nelle nostre città. È inoltre un’opportunità per modernizzare l’economia dell’UE e mantenere la competitività dell’industria europea”.

La strategia adottata prevede una tabella di marcia verso la mobilità sostenibile: tra gli obiettivi principali, quello di aumentare l’efficienza del sistema di trasporto attraverso la valorizzazione delle tecnologie digitali e i sistemi intelligenti. La Commissione intende anche accelerare la distribuzione delle alternative di mobilità sostenibile, favorendo elementi come ad esempio i biocarburanti avanzati, l’elettricità, l’idrogeno e combustibili sintetici rinnovabili e rimuovendo gli ostacoli oggi presenti nell’elettrificazione dei trasporti.

[foto da  verdeazzurronotizie.it]

Annunci

Milano, l’auto elettrica si ricarica in 20 minuti

imagesOggi a Milano per ricaricare un’auto elettrica bastano 20 minuti. La scorsa settimana sono state infatti inaugurate otto stazioni di nuova generazione grazie all’accordo tra Comune, A2A e Nissan Italia. I nuovi distributori, che si trovano in via Manin, via Santa Valeria, via Durando, via Melchiorre Gioia, piazza Leonardo Da Vinci, via Taramelli, piazza 6 Febbraio, via Freguglia, piazzale Egeo, corso Indipendenza, via Sassetti e corso Lodi, permettono infatti di fare l’80% del pieno elettrico in appena 20 minuti.

Milano accelera dunque per quanto riguarda la mobilità sostenibile, ed è la prima grande città italiana di dotarsi di un sistema così diffuso e capillare di infrastrutture pubbliche per favorire l’ecomobilità.

 

Bruno Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia, ha dichiarato: ”Alla luce dei tempi rapidi di rifornimento, ogni colonnina diventa un distributore di tipo classico per veicoli elettrici in cui è possibile una rotazione veloce di molti veicoli. Siamo pronti a collaborare anche con le pubbliche amministrazioni delle altre città italiane: bisogna mettersi a un tavolo, coinvolgere un distributore di energia e lavorare insieme.”.

[foto da ecoblog.it]

Giappone, le colonnine per ricarica elettrica superano le pompe di benzina

nissan_leaf_ricarica_solare-e1311366410706-400x250Si dice che uno dei motivi che frenano la diffusione delle auto elettriche sia la scarsità di infrastrutture dedicate alla loro ricarica. Ebbene, il Giappone sembra non avere affatto questo problema, anzi. Secondo uno studio condotto dalla Nissan e ripreso dal World Economic Forum, nel Paese ci sono più colonnine dedicate alla ricarica delle auto elettriche che pompe di benzina. In particolare, a fronte di 34mila stazioni di servizio tradizionale quelle per la ricarica elettrica arrivano alle 40mila unità.

 

Di queste, quasi 7mila offrono la ricarica veloce mentre la maggior parte è ancora ferma ai vecchi sistemi. Ma, conoscendo la solerzia e lo spirito di iniziativa dei giapponesi, non c’è da dubitare che nel giuro di pochi anni la proporzione sarà invertita.

 

[foto da tuttogreen.it]

Ecco Archimede, l’e-car solare “made in Sicilia”

ArchimedeCarSi chiama Archimede Solar Car 1.0 il nuovo prototipo di auto elettrica a energia solare sviluppato da Futurosolare onlus e presentato la settimana scorsa al polo Bioscientico dell’Università di Catania.
Lunga 4 metri e mezzo, ha Archimede ha un’autonomia potenzialmente illimitata e può raggiungere la velocità di 75 chilometri orari.
“Archimede solar car – ha spiegato il professor Rosario Lanzafame, ordinario di Macchine e sistemi energetici dell’ateneo etneo e vice presidente della Electric & New Energy Championships Commission della Fia – è un vero e proprio laboratorio viaggiante, frutto della sinergia tra università e un pool di piccole aziende. Si tratta della dimostrazione concreta di come sia assolutamente possibile sviluppare un nuovo di modello di mobilità sostenibile”.

“La vettura dimostra nei fatti – ha proseguito Lanzafame – che è possibile soddisfare il desiderio di mobilità ecologica in ambito urbano attraverso la conversione fotovoltaica ‘on board’ dell’energie elettrica necessaria per la trazione del veicolo che raggiunge anche un’autonomia illimitata anche attraverso l’innovativa frenatura recuperativa”.

[foto da newsicilia.it]

Mobilità elettrica, la ricarica wireless è sempre più veloce

1386830417766_RicaricaWirelessContinua a crescere l’innovazione nel settore della mobilità elettrica. L’ultima novità proviene dallo Stati Uniti, dove il Dipartimento energia dell’Oak Ridge National Laboratory ha sviluppato un sistema di ricarica wireless da 20 kilowatt.

Grazie alla collaborazione con alcuni dei maggiori colossi della mobilità e delle ICT come Toyota, Cisco Systems, Evatran e Clemson University International Center for Automotive Research, è stato possibile sperimentare un’efficienza del 90% su una Toyota Rav4, triplicando il tasso finora raggiunto dai sistemi wireless. Non solo, perché secondo gli scienziati il sistema sarebbe già pronto per essere immesso sul mercato.

Se così fosse, a breve potremmo assistere a un’ulteriore accelerazione della mobilità elettrica, visto che i 20 kW equiparano sostanzialmente la ricarica wireless alle colonnine di ricarica veloce e, a parità di tempi, la comodità del wireless è un elemento decisivo. Chi vivrà, vedrà.

[foto da ansamed.info]

Germania, niente bollo per le auto elettriche

e-mobylityEsentare per almeno 10 anni le auto elettriche dal pagamento del bollo. È questa l’idea che si sta maturando a Berlino per promuovere la mobilità sostenibile in tutto il Paese. A darne notizia, un articolo pubblicato dalla Suddeutsche Zeitung e ripreso dalla Reuters, in cui si illustrano le misure che saranno adottate da qui al 2020. Oltre al mancato pagamento del bollo, in programma anche lo sviluppo di nuove batterie sempre più performanti e meno costose per questo genere di vetture.

La nuova proposta di legge potrebbe anche prevedere degli incentivi all’acquisto, ma per ora è solo un’eventualità e nulla di più. Le misure al vaglio dell’esecutivo nascono anche dalla necessità di rilanciare l’immagine dell’automotive tedesco dopo lo scandalo Volkswagen, spingendo proprio sul settore della mobilità elettrica. La speranza di Berlino è quella di avere un milione di auto elettriche sulle strade tedesche entro il 2020, rispetto alle 50mila di oggi.

[foto da ruggeri.net]

In Norvegia la mobilità elettrica supera quella tradizionale

indexIl mese scorso, in Norvegia, sono state vendute più auto elettriche, ibride e ibride plug-in rispetto a quelle diesel o benzina. A darne notizia la rivista Dinside, che specifica anche che ben il 60% delle nuove immatricolazioni ha riguardato veicoli di nuova generazione, mentre quelli tradizionali si sono fermati al 40% . Prima in classifica tra le elettriche e terza in assoluto la Nissan Leaf  che con 676 veicoli venduti si è vista superare solo dalla Volkswagen Golf e dalla Mitsubishi Outlander. La Tesla Model S è quinta nella classifica generale, mentre la Renault Zoe è la nona-best seller del Paese.

Tra le ragioni che fanno della Norvegia il paradiso della e-mobility ci sono sicuramente gli incentivi promossi dal governo di Oslo. Chi acquista un’auto elettrica, infatti, non paga l’IVA, le tasse di acquisto, i pedaggi stradali, le spese di utilizzo dei tunnel e le spese di trasporto in traghetto. Ma c’è di più, perché i proprietari di e-car possono parcheggiare gratuitamente, effettuare liberamente la ricarica nei punti disseminati per le città e utilizzare le corsie degli autobus.

[foto da wikipedia.org]