Archivi tag: Fotovoltaico

In Francia il fotovoltaico si fa strada

routeRealizzare entro cinque anni mille chilometri di strada fotovoltaica. È l’ambizioso progetto di Parigi che il ministro dell’Ecologia, Ségolène Royal, ha così commentato: “Potrebbe fornire elettricità a 5 milioni di persone, l’8% della popolazione francese”.

Secondo i piani, l’installazione dei primi pannelli Wattway sarà avviata in primavera e i fondi per finanziare i lavori proverranno dall’aumento delle tasse sui combustibili fossili. Stando a quanto affermato dall’Agenzia francese per l’ambiente e la gestione dell’energia, basterebbero quattro metri di “strada solare” per soddisfare il fabbisogno elettrico di una famiglia.

I pannelli solari in questione, appositamente costruiti per l’inserimento nella pavimentazione stradale, sono stati presentati al Salone Mondiale dell’Efficienza di Parigi lo scorso ottobre con il nome di Wattway. Si tratta di lastre antiscivolo, resistenti, adattabili a qualsiasi strada e la cui installazione è semplicissima: basta incollarle direttamente sul pavimento, utilizzando l’infrastruttura esistente.

[foto da sciencepost.fr]

India, per la prima volta il solare costa meno del carbone

proxyL’industria indiana del solare ricorderà a lungo questo gennaio del 2016. Per la prima volta nella storia del Paese, infatti, il fotovoltaico è più economico del carbone. Un evento tanto straordinario da spingere il ministro alle energie nuove e rinnovabili, Piyush Goyal, a inviare un tweet per celebrare l’evento.

Per chi non lo sapesse, dopo USA, Russia, Cina e Australia, l’India può vantare la quinta riserva di carbone al mondo mentre in termini di produzione e consumo è al terzo posto.

In questo quadro, si apre dunque un nuovo, interessantissimo capitolo nella storia dell’energia indiana. “Attraverso aste trasparenti con una disposizione immediata di terreno, linee di trasmissione, ecc., le tariffe solari sono scese al di sotto dei costi dell’energia termoelettrica”, ha spiegato il ministro “Ci stiamo muovendo rapidamente verso la realizzazione della visione sull’energia pulita del primo ministro Narendra Modi”.

[foto da evwind.es]

In Giappone il fotovoltaico galleggiante più grande del mondo

imagesAl via i lavori per la costruzione del più grande impianto fotovoltaico galleggiante del mondo. L’impianto avrà una potenza di 13,7 MW e sorgerà in Giappone, sulle acque del lago Yakamura. Se tutto andrà come previsto, l’inaugurazione avverrà per il marzo del 2018, quando le acque dello Yakamura saranno coperte da 51mila moduli solari, che occuperanno una superficie di 180mila chilometri quadrati.

Una volta a regime, la centrale sarà in grado di produrre una media di 16.170 MWh l’anno, sufficienti ad alimentare poco meno di 5mila case case giapponesi, evitando l’immissione in atmosfera di oltre 8mila tonnellate di CO2 all’anno.

L’imponente progetto è firmato dalla Kyocera TCL Solar LLC, joint venture nata dalla partnership tra la Kyocera Corporation e la Century Tokyo Leasing Corporation. Una relatà che nel marzo scorso ha già allacciato alla rete elettrica nazionale due centrali solari galleggianti  da 1,7 e 1,2 MW, seguite dopo poco dall’inaugurazione di una terza istallazione da 2,3 MW di potenza. Insomma, possiamo dire che nella terra del Sol Levante il fotovoltaico galleggiante sta compiendo davvero passi da gigante.

 

[foto da greenme.it]

Fotovoltaico più economico del 15% entro due anni

fotovoltaicoEntro due anni, installare pannelli fotovoltaici sul tetto della propria abitazione costerà il 15% in meno. È quanto previsto dagli analisti di EnergyTrend, secondo i quali la diminuzione registrata lo scorso anno è destinata a continuare su ritmi piuttosto elevati.

Una realtà che coinvolge principalmente gli USA, dove il costo medio per installazione è già sceso del 17%, attestandosi a 1,38 dollari per watt, e che potrebbe toccare gli 1,15 dollari entro la fine del 2017. Il che, secondo gli specialisti del settore, significa che il fotovoltaico aumenterà ulteriormente la propria competitività rispetto ai combustibili fossili.

Patrick Lin, analista di EnergyTrend, ha inoltre confermato come le politiche di USA, Cina e India potrebbero contribuire a provocare un ulteriore declino dei prezzi dei moduli, che dal canto loro saranno sempre più efficienti.

 

[foto da ideegreen.it]

Il fotovoltaico è sempre più efficiente

Fotovoltaico-cinese-dumping_0Continuano a stupire le performance del fotovoltaico in silicio policristallino. L’ultima notizia in tal senso viene dalla Cina, dove la Trina Solar ha annunciato di aver ottenuto un nuovo record mondiale, raggiungendo un’efficienza di conversione della luce solare in elettricità del 21,25%.

In particolare, il nuovo traguardo è stato raggiunto grazie a un substrato mc-Si di alta qualità che permette di aumentare notevolmente l’efficienza di ogni cella solare. I ricercatori della Trina Solar hanno migliorato se stessi, visto che sempre a loro si doveva il precedente record mondiale stabilità un anno fa, quando la percentuale di efficienza si era fermata al 20,76%.

Particolarmente interessante il fatto che per stabilire questo nuovo record sono stati impiegati processi industriali a basso costo per una produzione su larga scala.

“Siamo entusiasti di annunciare i nuovi risultati di efficienza raggiunti dai nostri scienziati e ricercatori dello State Key Laboratory of PV Science and Technology. Questa è la prima volta in assoluto che una cella solare multicristallina in silicio ottiene una conversione di efficienza oltre il 21%,” ha dichiarato Pierre Verlinden, Vice-President e Chief Scientist di Trina Solar. “Questo sensazionale risultato dimostra che il percorso di sviluppo verso livelli più alti di efficienza continua ad essere efficace, anche per il silicio” ha concluso.

 

[foto da qualenergia.it]

In Germania le rinnovabili arrivano al 33%

imagesSecondo l’Associazione delle aziende energetiche e idriche tedesca (BDEW), quest’anno la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili aumenterà del 5%. Dal momento che lo scorso anno la cifra si era attestata al 27% del totale, conti alla mano ciò significa che le rinnovabili tedesche si preparano a soddisfare un terzo del fabbisogno complessivo.

 

Sugli scudi sono soprattutto eolico e fotovoltaico, che insieme dovrebbero raggiungere i 193 TWh a fronte dei 161 fatti registrare nel 2014. In particolare, il settore del solare in soli 10 mesi ha eguagliato la generazione dello scorso anno mentre l’eolico è già cresciuto di circa il 50%, e l’anno non è ancora finito.

“Indipendentemente dall’esatto rapporto che avremo alla fine dell’anno – ha commentato Hildegard Muller, presidente di BDEW – è stato chiarito ancora una volta che l’energia rinnovabile continua ad acquisire importanza nel mix elettrico tedesco. Allo stesso tempo, cresce la necessità di intervenire per integrare l’energia pulita nel sistema globale di generazione: la appropriata progettazione delle strutture necessarie deve essere accelerata urgentemente”.

Frithjof Staiß, direttore esecutivo del Centro di ricerca per l’energia solare e l’idrogeno ZSW, ha invece aggiunto: “Se le energie rinnovabili oggi coprono un terzo della domanda di elettricità, è chiaro che l’Energiewende è su un binario promettente. La quota crescente di fonti rinnovabili rende la Germania meno dipendente dai combustibili fossili, contribuendo così a raggiungere gli obiettivi di protezione del clima. Tuttavia, sono necessari ulteriori sforzi, che vanno al di là della sola generazione di energia: elettricità, calore e mobilità devono essere collegati più strettamente tra di loro e ottimizzati in un sistema integrato”.

 

[foto da sostariffe.it]

Fotovoltaico galleggiante, impianto da record per l’Europa

70MW-Solar-Power-Generating-System-1-537x357Sono iniziati nei pressi di Manchester i lavori per quello che si annuncia essere l’impianto fotovoltaico galleggiante più grande d’Europa. Anzi la mega centrale – realizzata dalla società idrica United Utilities sulle acque del serbatoi di Godey – si appresta a sfidare il Giappone in questa tecnologia sempre più promettente.

L’impianto inglese, che si estenderà su 45mila, metri quadrati, sarà dotato di 12mila moduli fotovoltaici e la l’energia prodotta sarà utilizzata in loco dalla stessa società contribuendo così a mantenere basse le bollette dell’acqua dei propri clienti.

“Ci siamo posti l’obiettivo di auto-produrre il 35 per cento del nostro fabbisogno energetico entro il 2020, e questo progetto darà un contributo significativo”, ha commentato Chris Stubbs, responsabile energie rinnovabili a United Utilities. “Come parte della strategia energetica della United Utilities abbiamo identificato il serbatoio Godley come un luogo adatto per installare i moduli del fotovoltaico galleggiante e rifornire così le operazioni di trattamento delle acque con circa il 33 per cento del loro fabbisogno energetico.”

Da ricordare come l’impianto fotovoltaico galleggiante più grande del mondo è stato messi recentemente in funzione in Corea del Sud. Si tratta di una mega centrale capace di produrre 8,6 GW di energia all’anno, sufficiente ad alimentare il fabbisogno di 2.400 famiglie.

 

[foto da rinnovabili.it]