Archivi tag: California

Fotovoltaico gratis per i californiani più poveri

GRID-Alternatives-solar-panels-537x357Installare gratuitamente un impianto fotovoltaico sul tetti delle abitazioni dei cittadini più poveri. È l’iniziativa promossa dall’organizzazione no-profit GRID Alternative, che coinvolgerà oltre 1.600 famiglie bisognose a cui è dedicato il nuovo programma solare statale.

Utilizzando i proventi del Fondo di riduzione dei gas serra (GGRF) – un fondo creato con il programma di cap and trade della California – installeremo solare sul tetto per più di 1.600 famiglie fino al 2016” si legge sul sito web di GRID Alternative.

Il primo cittadino a usufruire del progetto è un disabile di Sacramento che si chiama Roy Rivera, sul cui tetto è stato installato un impianto fotovoltaico da 2,5 kW che gli farà risparmiare 818 dollari per il primo anno e 22.800 durante tutta la vita dell’impianto stesso. Un bella somma, con la quale potrà pagarsi le spese mediche che deve sostenere per la propria malattia.
Per poter beneficiare del programma, di i proprietari di casa devono risiedere in un quartiere “svantaggiato” (come definito dallo Stato) e guadagnare l’80 per cento o meno del reddito medio per le famiglie di quella zona.

 

[foto da globalhackingnews.com]

Annunci

California, l’energia viene dalle noci

noci-fanno-bene-salute1A quanto pare, anche le noci possono dare un notevole contributo al futuro del Pianeta. Perché non solo i loro scarti sono un ottimo fertilizzante per le piante, ma dai gusci è possibile ricavare elettricità.

L’idea è venuta a Russ Lester, proprietario della fattoria ‘Dixon Ridge farms’ a Sacramento in California, e ora viene rilanciata da Yale climate connections on-line come una delle soluzioni più brillanti capaci di trasformare i rifiuti in energia.

 

Già considerata un modello per quanto riguarda il risparmio idrico, la ‘Dixon Ridge farms’ balza dunque nuovamente agli onori della cronaca. Fino a oggi, l’essiccazione delle noci, prima di andare sul mercato, richiedeva una notevole quantità di energia.

E così Lester ha pensato bene di usare di impiegare un sottoprodotto che certo non mancava, ossia i gusci, che si sono rivelati ”una buona fonte di energia” per avere ”elettricità rinnovabile e calore”.

 

Un generatore ‘bio-max’ è in fatti capace di trasformare i gusci in biogas pulito e oggi la fattoria produce ”più energia di quella di cui ha bisogno e vende l’elettricità in eccesso alla rete”. Non solo, perché a quanto pare il calore dei forni viene usato per asciugare le noci raccolte, e lo scarto dei gusci può essere venduto o usato come fertilizzante per nuovi alberi che una volta cresciuti contribuiscono a loro volta ad assorbire CO2.

 

[foto da pianetadonna.it]

California, il solare fa per cinque

fotovoltaico-californiaLa California è in grado di produrre una quantità di energia solare fino a cinque volte superiore al proprio fabbisogno.

A riferirlo, o meglio a dimostrarlo, un team di scienziati della Carnegie Institution.

In una ricerca pubblicata su Nature Climate Change, hanno suggerito di integrare i grandi impianti realizzati nelle aree desertiche con quelli urbani e suburbani.

Come ha dichiarato Rebecca Hernandez dell’Università di Berkley “gli impianti solari non devono essere costruiti per forza nei deserti“. Gli scienziati hanno spiegato che i tetti degli edifici residenziali e commerciali presentano molte opportunità per produrre energia con un fotovoltaico di piccole dimensioni, così come altre possibilità sono quelle da spazi urbani come i parchi.

La ricerca prevede due tipi di tecnologie solari: il fotovoltaico e i sistemi a concentrazione: per i ricercatori, un mixi delle due opzioni potrebbe generare fino a 15mila TWh di energia all’anno grazie al fotovoltaico e 6mila TWh usando sistemi a concentrazione solare.

[foto da ecoo.it]

Il fotovoltaico del Desert Sunlight illumina la California

DesertSunlight_1Si chiama Desert Sunligh Solar farm, ha un’estensione di oltre 16 km quadrati, vanta una potenza di 550 MW ed è considerata una delle centrali solari più grandi del mondo in assoluto e la più grande realizzata su suolo pubblico.

Il mega impianto fotovoltaico è stato realizzato dalla First Solar, che ha anche fornito gli oltre 8 milioni di moduli fotovoltaici che lo compongono, e darà energia rinnovabile a oltre 160mila famiglie.

Il progetto è stato inaugurato lo scorso 9 febbraio dal Segretario degli Interni Sally Jewell e si inserisce nella nuova politica energetica promossa dalla Casa Bianca basata su un forte impulso alle rinnovabili. Non a caso, l’impianto ha ricevuto una garanzia di prestito federale di quasi 1 miliardo e mezzo di dollari.

Durante i tre anni di lavori necessari alla sua costruzione, la Desert Sunlight Solar farm ha impiegato circa 440 persone. Questo è l’inizio di un futuro ad energia rinnovabile”, ha affermato Jewell durante la cerimonia di inaugurazione. “Prima del 2009 nessun progetto solare aveva ricevuto un’autorizzazione su un terreno pubblico; ma da allora il sistema è cambiato”. L’energia prodotta da ‘Desert Sunlight’ verrà acquistata per i prossimi dieci anni da due aziende californiane, la ‘Pacific Gas & Electric’ e la Southern California Edison‘.

[foto da energy.ca.gov]

California, 50% di rinnovabili entro il 2030

california1Continua a grandi passi il cammino della California verso un futuro sempre più green.
Dopo aver recentemente inaugurato la centrale solare più grande del mondo, il cosiddetto “Golden State” ha annunciato il suo prossimo obiettivo: alimentarsi al 50% con fonti di energia rinnovabile entro il 2030.

A rivelarlo, il Governatore democratico Jerry Brown che durante il discorso di giuramento per il suo nuovo mandato ha rinnovato l’impegno dell’amministrazione soprattutto sui temi dell’efficienza energetica e della mobilità sostenibile.

“Propongo tre ambiziosi obiettivi da portare a termine entro i prossimi 15 anni: aumentare da un terzo al 50 per cento della nostra energia elettrica derivata da fonti rinnovabili; ridurre l’uso del petrolio di oggi per auto e camion fino al 50 per cento, raddoppiare l’efficienza degli edifici esistenti e rendere i combustibili più puliti” ha affermato.

[foto da savenergy.it]

California, entra in funzione la centrale solare più grande del mondo

AS-I-2-15-13-135ESi chiama Topaz come il famoso film di Alfred Hitchcock la più grande centrale solare al mondo entrata in funzione la scorsa settimana in California a seguito dell’allaccio alla rete degli ultimi 40 MW.

L’impianto fotovoltaico, di proprietà della MidAmerican Solar, può vantare una potenza di 500 MW grazie ai suoi 9 milioni di pannelli solari distribuiti su un totale di 25 chilometri quadrati.

Da sottolineare come il mega impianto si stato costruito in soli due anni anche se ha richiesto un investimento record da ben 2 miliardi e mezzo di dollari.
Sul sito della First Solar, che ha sviluppato il progetto, si legge una volta a regime la centrale sarà in grado di alimentare 160.000 abitazioni medie.

Come spesso avviene, prima di vedere la luce la Topaz solar farm ha dovuto superare non pochi ostacoli, primo fra tutti la ferma opposizione delle comunità della zona ed alcune azioni legali per i possibili danni alla flora e fauna del luogo.

Il record di Topaz però sembra destinato a durare poco, perché per il prossimo anno è previsto l’allacciamento alla rete elettrica di Solar Star, la centrale fotovoltaica da 579 MW.

 

[foto da papichco.com]

Mobilità elettrica, la California fa sul serio

20140524__0525electric~3Continua senza fermarsi un attimo la politica della California a favore della mobilità elettrica.

Così dopo avervi dato notizia dell’intenzione di mettere sulle strade un milione e mezzo di veicoli elettrici entro i prossimi 10 anni, torno a scrivere di una nuova iniziativa adottata dallo stato americano a sostegno della e-mobility.
A quanto pare, infatti, il Governo locale starebbe preparando un nuovo ‘codice’ per le costruzioni, con specifiche indicazioni che rendano obbligatorio dotare box e parcheggi di una presa di ricarica.

 

Un provvedimento simile è già stato adottato dalla municipalità della città californiana di Palo Alto, e i buoni risultati ottenuti sembrerebbero portare a un’accelerazione dell’estensione di queste nuove norme a tutto lo Stato già entro il prossimo anno.

La California conferma dunque il proprio impegno a modificare radicalmente il parco auto circolante, così come previsto dalla proposta ‘Assembly Bill 8’ firmata dal governatore Jerry Brown. Il provvedimento mira a favorire la diffusione delle auto elettriche con 2 miliardi di dollari come crediti d’imposta e la creazione di un network di 100 stazioni di rifornimento per l’idrogeno entro il 2020.

 

[foto da mercurynews.com]