Archivi tag: bertrand piccard

Solar Impulse II, il sogno si interrompe

our_adventureSi ferma alla Hawaii il sogno di Bertrand Piccard e André Borschberg, i due piloti di Solar Impulse II impegnati a compiere il giro del mondo. L’aereo alimentato esclusivamente dall’energia solare ha subito infatti dei danni irreversibili alla batteria, che lo costringeranno a uno stop di almeno sei mesi.

Come ha spiegato lo stesso Piccard, non si è trattato di un guasto tecnico ma di un errore di valutazione nella progettazione dei sistemi di raffreddamento. Le alte temperature del clima tropicale sono infatti risultate fatali. A parziale consolazione, l’aver comunque stabilito il record mondiale volando ininterrottamente per 7200 chilometri in 4 giorni, 21 ore e 51 minuti grazie alla sola energia solare. In un primo tempo, sembrava che il problema alle batterie sarebbe stato risolto in poche settimane ma un’analisi più approfondita ha rivelato l’amara realtà.

 

“Far accadere l’impossibile richiede più tempo rispetto al possibile. L’avventura continua. Anche se il Solar Impulse non vola, non significa che dobbiamo smettere di far crescere la consapevolezza su un futuro pulito”, ha dichiarato Piccard. Il velivolo era decollato per la sua prima tappa il marzo scorso da Abu Dhabi ed era poi passato in Oman, India, Birmania, Cina e Giappone fino a raggiungere le Hawaii. La seconda tranche, che a questo punto si svolgerà ad aprile 2016, prevedeva di raggiungere Phoenix, fare altre due tappe in Usa, sorvolare l’Atlantico alla volta del Mediterraneo e rientrare negli Emirati Arabi Uniti.

 

[foto da solarimpulse.com]

Annunci

Solar Impulse 2 è atterrato alle Hawaii

solar-impulse-8-620x 

Dopo 5 giorni e 7.200 chilometri di volo, Solar Impulse 2 ha finalmente raggiunto le Hawaii dopo essere decollato dalla città giapponese di Nagoya. L’aereo solare guidato da Bertrand Piccard e André Borschberg ha dunque portato a termine la tappa più impegnativa del giro del mondo che sta compiendo per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle potenzialità delle rinnovabili. In particolare, è stato Borschberg a compire questa incerdibile impresa, pilotando l’aereo per 4 giorni e 21 ore e 51 minuti, in una cabina non pressurizzata ed esposta a notevoli escursioni termiche. Dalla partenza, il 9 marzo scorso da Abu Dhabi, Borschberg si sta alternando in cabina di pilotaggio con Bertrand Piccard, l’altro pilota ideatore della missione intorno al globo.

Ricordiamo infatti che l’unica fonte di alimentazione energetica di Solar Impulse 2 è rappresentata dall’energia solare.

In realtà, lo straordinario velivolo 2 avrebbe dovuto raggiungere le Hawaii già il mese scorso, ma dopo essere decollato da Nanchino era stato costretto dal maltempo a un atterraggio di emergenza sul suolo giapponese. E ora, l’avventura continua.

 

[foto da onlineamd.com]

Riparte il giro del mondo di Solar Impulse 2

SVL006367solar_impulse-149252È finalmente decollato da Nagoya, in Giappone, Solar Impulse 2, l’aereo alimentato a energia solare che sta compiendo il giro del mondo. Il velivolo era stato costretto dal maltempo a un atterraggio imprevisto durante la tappa più impegnativa della sua avventura, che dalla Cina avrebbe dovuto condurlo fino alla Hawaii sorvolando l’Oceano Pacifico.

I due piloti André Borschberg e Bertrand Piccard sono decollati alle 19.30 (ora italiana) di martedì 23 (ora italiana), affermando di voler continuare a sensibilizzare la popolazione mondiale sull’uso delle rinnovabili.

“Sarebbe molto più facile cancellare la partenza, è molto più rischioso prendere la decisione di decollare, ma abbiamo deciso di partire, ed è stata la decisione più dura che abbiamo preso finora”, ha affermato Piccard.
[foto da solvay.com]

Solar Impulse 2 è arrivato in Cina

solar-impulse-2Si è conclusa con successo anche la quinta tappa di Solar Impulse 2, l’aereo alimentato a energia solare che sta compiendo il giro del mondo.

Nonostante qualche difficoltà legata al forte vento, il velivolo condotto da Bertrand Piccard è atterrato a Chongqing, in Cina, dopo aver percorso 1.375 chilometri in circa 20 ore di volo.

L’incredibile aereo, che ha un’apertura alare di 72 metri ma pesa quanto un fuoristrada, era proveniente dalla Birmania.

La prossima tappa, che vedrà in cabina di pilotaggio l’altro protagonista di questa straordinaria avventura, André Borschberg, vedrà Solar Impulse 2 atterrare a Nanchino. Qualche dubbio sulla data precisa, visto che il danneggiamento di una cella fotovoltaica ha infatti ridotto del 2% la capacità del velivolo di immagazzinare energia.

Dopo Nanchino, il giro del mondo proseguirà sorvolando il Pacifico, con una sosta alle Hawaii per poi arrivare in Usa.

 

[foto da meteoweb.eu]

Solar Impulse 2, record di volo per l’aereo solare

Solar-Impulse-2La settimana scorsa vi ho dato notizia dell’inizio del giro del mondo di Solar Impulse 2, l’aereo alimentato a energia solare partito il 9 marzo da Abu Dhabi.

Ebbene, lo straordinario velivolo ha già battuto il record del volo più lungo mai effettuato nella storia dell’aviazione grazie all’alimentazione solare: si tratta dei 1.500 chilometri effettuati per compiere il tragitto tra l’Oman e l’India. Un volo di 15 ore, al termine del quale i piloti svizzeri, Bertrand Piccard e André Boschberg, hanno spiegato che al momento dell’annuncio della nostra impresa la risposta indiana è stata eccezionale e gli aeroporti di New Delhi e Mumbai ci hanno offerto ospitalità. Ma noi abbiamo scelto il Gujaat perché alcune delle imprese che ci hanno aiutato operano qui”.

Ora, dall’India l’aereo si prepara a volare verso il Myanmar la Cina. Da qui, dovrà affrontare latappa più lunga del viaggio: gli 8.500 chilometri da percorrere sorvolando l’Oceano Pacifico. Tempo stimato, cinque giorni e cinque notti.

[foto da tribunaitalia.it]

Partirà da Abu Dhabi il giro del mondo di Solar Impulse, l’aereo che va a energia solare

Solar-Impulse-Solar Impulse è una vecchia conoscenza di Energie Rinnovate. Dalla prima grande impresa, quando volò dalla Svizzera a Marocco, alla traversata degli Stati Uniti “coast to coast”, vi ho raccontato la storia di questo incredibile aeroplano che è mosso solo dall’energia solare.

Ora, “Solar Impulse 2” si prepara ad affrontare la sua sfida più grande: compiere il giro del mondo. La partenza è già stata programmata per marzo 2015, quando il velivolo solare spiccherà il volo da Abu Dhabi.

I fondatori del progetto nonché piloti dell’aereo, gli svizzeri Bertrand Piccard e André Borschberg, contano di completare il viaggio in quattro o cinque mesi. La tabella di marcia prevede diversi scali in tutti e 5 i continenti e alcune tappe, come la traversata dei due Oceani, potrebbero richiedere cinque o sei giorni consecutivi di volo.

“Abbiamo scelto Abu Dhabi come il punto di partenza e di ritorno per il giro del mondo, per il suo clima, le infrastrutture presenti e per l’impegno profuso dall’Emirato per tecnologie pulite”, ha commentato Borschberg in una nota stampa. Il team di lavoro sbarcherà ad Abu Dhabi il prossimo gennaio.

 

[foto da nonsoloeco.com]

Solar Impluse, prove di giro del mondo

RTEmagicC_Solar_Impulse_UK_page_image_2.jpgLo avevo preannunciato ad aprile, ed ecco che iniziano i primi test per Solar Impulse 2, il nuovo prototipo di aereo solare che si prepara a compiere il giro del mondo.

L’impresa è in programma per il prossimo anno, ma i due piloti André Borschberg e Bertrand Piccard hanno compiuto il primo volo di prova la settimana scorsa nei cieli della Svizzera. La quota massima raggiunta durante la prova è stata di 1.670 metri e la velocità media di poco superiore ai 55 chilometri all’ora. “Questo volo inaugurale è una tappa importante, un ulteriore passo verso il giro del mondo”, ha commentato André Borschberg.

Rispetto al primo modello, Solar Impulse 2 integra nuove tecnologie per essere più efficiente, affidabile e, in particolare, più adatto ai voli a lungo raggio. “È il primo aereo che avrà una resistenza quasi illimitata”, ha aggiunto Borschberg.

Solar Impulse 2 ha un’apertura alare di 72 metri, 8 in più rispetto al predecessore, ed è coperto da 17.000 celle solari che alimentanoquattro motori elettrici. Durante il giorno, le celle ricaricano le batterie (rigorosamente al litio) permettendo così anche il volo notturno.

Per quanto riguarda il giro del mondo, il velivolo partirà dalla Regione del Golfo per sorvolare sopra il Mare Arabico e si dirigerà verso India e Cina prima di attraversare il Pacifico, gli Stati Uniti, l’Atlantico e l’Europa meridionale.

[foto da altran.co.uk]