Archivi tag: auto elettrica

Chevrolet, la mobilità elettrica è alla portata di tutti

2007 Chevrolet Volt ConceptViene dagli USA un nuovo importante impulso alla diffusione della mobilità elettrica.
Durante il Salone di Detroit 2015 infatti la General Motors ha presentato la nuova Chevrolet Bolt, che si presenta come il modello di auto elettrica più accessibile sul mercato.

La Chevrolet Bolt ha infatti un prezzo di listino di 25.400 euro che, sebbene ancora nettamente superiore a quello di diversi modelli benzina, rappresenta invece un’autentica occasione per il mondo della e-mobility.

Non solo, il nuovo modello ha anche un’autonomia di 320 chilometri per ogni singola ricarica ed è realizzato in alluminio, magnesio e fibra di carbonio, tutti materiali molti resistenti nonostante il peso ridotto.

Per quanto riguarda gli interni, questi sono stati progettati per essere luminosi, innovativi e capaci di garantire un’esperienza di guida rilassante e piacevole. Infine, spazio anche all’hi-tech con i sistemi di bordo che possono essere controllati tramite un touch screen, al quale possono essere collegati anche gli smartphone di conducente e passeggeri.

Chevrolet ritiene che l’elettrificazione sia un pilastro del trasporto futuro, e che debba essere alla portata di un più ampio segmento di clienti”, spiega Mary Barra, CEO di General Motors. E chissà che ispirandosi a vicenda e, perché no, con un po’ di sana concorrenza, tutti i grandi nomi del settore si adoperino per rendere possibile questo obiettivo in breve tempo.

[foto da evworld.com]

Annunci

Ecco Visio.M, l’auto elettrica che costa meno di una a benzina

b880a7f66fSi chiama Visio.M ed è il primo prototipo di auto elettrica più economica di una a benzina.
A svilupparlo è stato un team di ricercatori della Technische Universitaet di Monaco, che hanno studiato il modo di rendere l’auto elettrica un fenomeno sempre più di massa e alla portata di tutti.

L’auto in questione si presenta come una due posti dal design sportivo, con un motore in grado di raggiungere il 120 chilometri orari. La batteria, rigorosamente al litio, assicura un’autonomia di circa 160 chilometri. Caratteristica peculiare di Visio.M è il peso di appena 450 chili, grazie a un abitacolo realizzato in plastica rinforzata in fibra di carbonio e alluminio.

Il punto forte della nuova e-car è tuttavia rappresentato dal sistema di sicurezza, che consente di elaborare un’analisi anticipatoria del traffico circostante avvalendosi di un sofisticato sistema di radar e sensori.

Ad oggi si tratta ancora di un prototipo, ma l’obiettivo è la produzione di serie che dovrebbe consentire di offrire la due posti ad un prezzo inferiore rispetto ad un’analoga auto a benzina.

[foto da visiom-automobile.de]

Auto elettrica, gli italiani pronti a dire sì

e-mobility-italy-enel-e-smart-insieme-nel-piu-importante-progetto-congiunto-mondiale-per-la-mobilita-elettrica

Bollo più economico, parcheggi gratuiti, ingressi nelle zone a traffico limitato.  Sono solo alcuni dei principali vantaggi che i guidatori italiani associano all’auto elettrica, secondo un recente sondaggio condotto da Direct Line.

In particolare, il 98% del campione ha affermato che il risparmio sul bollo è il vantaggio più importante derivante dal possedere una e-car, seguito a ruota (è proprio il caso di dire) dalla possibilità di circolare senza limiti, segnalato dal 97% degli intervistati.

Ci sarebbe da chiedersi, a questo punto, quali siano dunque gli ostacoli che ancora frenano la definitiva consacrazione della mobilità elettrica nel nostro Paese. Per l’89%, manca ancora una rete di ricarica sufficientemente estesa mentre l’86% lamenta prezzi di acquisto troppo elevati.

Tuttavia, non c’è dubbio che la e-mobility stia conquistando fette di mercato sempre più grandi. Basti pensare che case automobilistiche come Ferrari e Mercedes, che storicamente si rivolgono a un target ben preciso, stanno iniziando a proporre modelli ibridi.

Anche perché gli italiani sembrano apprezzare sempre di più la silenziosità dei motori offerta dagli EV, oltre ai costi di manutenzione nettamente inferiori rispetto alle auto tradizionali.

Restando in tema di sondaggi e mobilità elettrica, da segnalare l’indagine online lanciata da Enel Distribuzione nell’ambito progetto europeo “Green eMotion”.

Un questionario organizzato in cinque parti sviluppato nell’ambito del progetto europeo “Green eMotion”, che vede coinvolti i principali distributori e mira alla creazione di una piattaforma continentale per garantire l’interoperabilità delle infrastrutture di ricarica e delle soluzioni di mobilità elettrica a livello europeo.

[foto da blogmotori.com]

Mobilità elettrica, Norvegia prima al mondo per auto vendute

imagesCirca 1200 veicoli elettrici venduti ogni mese. È il sorprendente dato che proviene dalla Norvegia, che si conferma tra i Paesi più attenti al tema della mobilità sostenibile.

I circa 5 milioni di cittadini norvegesi hanno fino a oggi acquistato oltre 21mila auto elettriche, facendo registrare la media pro-capite più alta del mondo. Basti pensare che negli USA, a fronte di una popolazione di 313 milioni di abitanti, si contano solamente 70mila veicoli elettrici mentre in Gran Bretagna, su 63 milioni di cittadini si contano soltanto britannici 5mila e-car.

“Ogni settimana arriva in Norvegia una fornitura di Nissan Leaf e vengono vendute quasi immediatamente” ha dichiarato Snorre Sletvold, presidente dell’associazione norvegese per i veicoli elettrici.Non ci aspettavamo tutto questo. Le auto elettriche sono un fenomeno  iniziato come ad Oslo, ma ora si stanno vendendo in tutta la Norvegia. Entro la fine di febbraio ci aspettiamo di essere il primo paese al mondo nel quale un veicolo su 100 sulla strada sarà elettrico.”

Tra le cause del fenomeno da ricordare gli incentivi statali, che ammontano a circa 5mila dollari. Non solo, perché oltre al contributo economico il governo assegna anche una fornitura elettrica gratuita domestica, parcheggi auto omaggio e sconti assicurativi con la possibilità di utilizzare le corsie preferenziale ed evitare il traffico.

 

Intanto, sul fronte della mobilità elettrica anche l’Italia continua a progredire. È della settimana scorsa la notizia dell’installazione delle prime colonnine di ricarica a Brindisi e Lecce a opera di Enel.

[foto da qualenergia.it]

Roma, la spesa si fa a emissioni zero

AUTO: ACCORDO ACEA-ENEL-CAMPIDOGLIO PER COLONNINE ELETTRICHEÈ partito la scorsa settimana a Roma il progetto pilota e-commerce ZEV, che offre ai dipendenti delle aziende partecipanti la possibilità di accedere a una piattaforma di e-commerce per ordinare la spesa, che viene poi consegnata direttamente all’uscita del lavoro con auto rigorosamente elettriche.

La sperimentazione è stata avviata dall’Agenzia Roma Servizi per la Mobilità di Roma Capitale insieme a Ruote per Aria nel quartiere dell’Eur, dove durante l’European Mobility Week dello scorso settembre, l’Ipercoop del centro commerciale Euroma2 ha messo a disposizione la piattaforma di e-commerce e il proprio staff per la raccolta ordini.

A essa si è aggiunta Enel Energia, che ha fornito tre colonnine di ricarica per l’auto elettrica, e Renault, che ha dato in comodato gratuito un Kanzoo Z.E.

“La volontà è quella di dimostrare la fattibilità di progetti concreti che potranno trasformarsi in reali opportunità dando impulso alla green economy”, ha affermato Enrico Pascarella, responsabile di Ruote per Aria.

“Dopo aver istallato colonnine elettriche davanti alla sede del Municipio, con e-commerce ZEV facciamo un ulteriore passo avanti verso una nuova concezione della mobilità, più confortevole, meno rumorosa e sostenibile”, ha aggiunto dal canto suo Andrea Santoro, Presidente del Municipio IX Roma Eur.

[foto da ecovideoblog.it]

Golf e Up!, la Volkswagen si fa elettrica

volkswagen-e-golf-e-up--352x288Sul fatto che la mobilità elettrica rappresenti il futuro non ci sono dubbi. Un futuro sempre più prossimo, a giudicare dalle novità che saranno presentate al Salone di Francoforte.

 

Volkswagen ha infatti annunciato due nuovi modelli, e precisamente la e-Golf e la e-Up  pronti a essere immessi sul mercato.

 

Due auto che si distinguono dalle ‘sorelle’ a benzina e gasolio unicamente per i costi di gestione, l’autonomia e la velocità massima, che è di 140 km/h sulla Golf e di 130 km/h sulla up!.  Notevole l’autonomia delle due vetture, 190 chilometri per la compatta e 160 per l’utilitaria. soprattutto considerando che la percorrenza media giornaliera per un’auto in Europa è di 60 chilometri.

 

Non solo, perché in caso di necessità, ormai la ricarica rapida permette di raggiungere l’ 80% della capacità della batteria in soli 30 minuti.

 

Entrambi i modelli, inoltre, offrono due modalità di marcia – Eco ed Eco+ – e quattro per il recupero dell’energia in frenata. Così, a seconda delle necessità, sarà possibile combinare questi fattori per ottenere il miglior compromesso tra prestazioni ed efficienza.

 

Infine, da sottolineare una dotazione di serie di tutto rispetto: 5 porte, climatizzatore automatico con ventilazione o riscaldamento in parcheggio, navigatore satellitare, parabrezza riscaldato, luci diurne a Led per la e-up! e interamente a Led per la e-Golf.

 

[foto da motori24.ilsolre24ore.com]

Batterie sempre meno care, l’auto elettrica si fa strada

riciclare-batterie-auto-elettricheIl prezzo delle batterie è calato del 40% in tre anni, e il mercato dell’auto elettrica si fa sempre più appealing. È quanto afferma una ricerca elaborata dal Battery University Miit per conto del sito Bloomberg New Energy Finance.

 

 

Uno studio incentrato sulle batterie agli ioni di litio che, a partire da metà degli anni ’90, hanno registrato una drastica riduzione dei costi passando dagli oltre 1.000 dollari per kWh del 1995 ai circa 600 dollari/kWh del 2012.
E non è ancora finita. Gli esperti infatti prevedono che nei prossimi 8 anni il costo scenderà ulteriormente a 500 dollari per kWh che diventeranno 100 dollari entro il 2030. E parallelamente si registrerà una crescita costante delle capacità di accumulo delle batterie.

 

Retando al futuro più prossimo, nel giro di 5-10 anni il mercato dell’auto elettrica potrà contare su un’offerta di veicoli sempre più ampia e a buon mercato, ed è prevedibile un vero e proprio boom di vendite soprattutto nei centri urbani.

 

[foto da okusato.com]