Bologna, Milano e Torino smart city d’Italia

smart-citiesUn censimento condotto in 116 capoluoghi di provincia italiani, analizzandone infrastrutture e reti, sensoristica, elaborazione e valorizzazione dei big data del territorio, applicazioni e servii.

È lo Smart City Index realizzato da Ernst & Young presentato a Roma la scorsa settimana, che vede Bologna, Milano e Torino saldamente in testa. Nono posto per la capitale, seguita da Firenze e Genova, mentre sempre drammatica è la situazione del mezzogiorno: Napoli 32esima, Lecce 52esima mentre la maglia nera resta in Sicilia con i principali capoluoghi che, come nel 2014, si attestano in fondo della classifica.

Tra le città di medie dimensioni, da registrare il quarto posto di Mantova e il quinto di Parma, che sorpassa Trento. In generale, anche nel 2016 si conferma l’esistenza di uno stretto legame tra smartness e qualità della vita con due particolari tipologie di città: quelle del «benessere analogico», cioè con un’alta qualità della vita ma poca innovazione (come Fermo, Lanusei, Tempio Pausania e Olbia) e quelle del «riscatto Smart» che, pur non offrendo una qualità della vita particolarmente alta, trovano nel modello smart city un’occasione di innovazione (come Napoli, Bari e Lecce).

 

[foto da casa24.ilsole24ore.com]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...