Shell, l’energia solare per estrarre il petrolio

glasspoint-eor-2_310_206Un mega impianto solare per aumentare la produzione di petrolio. È quello che nasce da un accordo recentemente concluso tra la Shell e il sultano dell’Oman, che ha comportato un investimento di oltre 50 milioni di dollari da parte del colosso olandese in una compagnia produttrice di dispositivi a energia solare, la Glasspoint Solar.
Questa installa specchi di alluminio sulla superficie delle aree di estrazione, in modo che questi concentrino la radiazione solare su tubi isolati contenenti acqua. Il vapore in tal modo generato viene poi iniettato poi nei pozzi per estrarre il cosiddetto “heavy crude oil”, ossia il petrolio ad alta viscosità. Un processo che abbatte notevolmente i costi di estrazione, al punto che alla Shell stanno pensando di utilizzare questa tecnologia anche in India e negli USA.

Due Paesi dalle ingenti risorse petrolifere ancora non sfruttate proprio a causa degli ellevati costi di estrazione. Ma ora, questa nuova tecnologia può essere la risposta a tutti i loro problemi. . Il vapore generato dalla radiazione solare potrà, infatti, ridurre il consumo di gas e le emissioni dell’80%. Non solo, perché il basso costo dell’energia solare rischia di rendere più conveniente l’uso di combustibili tradizionali.

[foto da greentechmedia.com]

Annunci

Una risposta a “Shell, l’energia solare per estrarre il petrolio

  1. Pingback: Rockefeller, dal petrolio alle rinnovabili | Energie Rinnovate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...