L’Europa punta sull’energia marina

 

turbiUn piano d’azione per lo sfruttamento dell’energia del mare. È quello lanciato dall’Unione europea, che potrebbe avere notevoli risultati sia dal punto di vista della sostenibilità che da quello occupazionale. Infatti, se da un lato l’energia oceanica potrebbe arrivare a soddisfare il 78% del fabbisogno europeo entro il 2030, dall’altro potrebbe anche creare 40mila nuovi posti di lavoro entro il 2035.

Da qui l’idea di avviare un Forum che coinvolgerà i diversi attori, dalle autorità all’industria alle organizzazioni ambientali. A loro il compito di produrre una sorta di roadmap che include tutte le tecnologie per la raccolta delle energie rinnovabili provenienti dai mari e dagli oceani, ad eccezione dell’energia eolica offshore.

“L’energia oceanica possiede un potenziale considerevole per aumentare la sicurezza di approvvigionamento. Perciò è necessario promuovere l’innovazione tecnologica, superando gli obiettivi della strategia Europa 2020′ e contribuendo allo sviluppo e all’integrazione nel sistema energetico europeo di un’ampia gamma di fonti di energie rinnovabili, fra cui l’energia oceanica” ha dichiarato il commissario Ue all’energia Guenther Oettinger.

[foto da corriere.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...