Fukushima, dal nucleare all’eolico (off shore)

eolicooffsh-300x300Un cambiamento che più simbolico non potrebbe essere. Al largo di Fukushima, che fu teatro del disastro nucleare prodotto dallo tsunami del 2011, è stato inaugurato il parco eolico off shore di Fukushima Dai-Ichi.

 

Una scelta tutt’altro che casuale, visto che, due anni fa, dopo il passaggio dell’onda a resistere e continuare a produrre energia fu proprio un impianto eolico.

Il nuovo impianto punta ad ottenere un Gigawatt di potenza istallata sfruttando le 143 turbine, istallate dove il mare è profondo ben 120 metri, che ridaranno energia ad una delle aree maggiormente danneggiate dall’onda devastatrice., istallate a 120 metri di profondità, per ridare energia ad una delle zoem più danneggiate dallo tsunami

Tra gli obiettivi del progetto, anche quello di proseguire nel progressivo abbandono dei combustibili fossili per abbassare la quantità di emissioni inquinanti prodotte e rilasciate.

A due anni e mezzo dalla tragedia, tutti i 50 reattori nucleari giapponesi sono sotto controllo e seguono la nuova normativa con la prospettiva di riavviare presto almeno 14 dei reattori chiusi a seguito dell’incidente.

Il Giappone sta tuttavia proseguendo negli investimenti nelle rinnovabili, dando spazio alla ricerca nel campo dell’eolico galleggiante per sfruttare le acque profonde che lo circondano visto che le turbine senza fondamenta sono la migliore soluzione per le caratteristiche del mare giapponese.

[foto da ilsostenibile.it]

Annunci

Una risposta a “Fukushima, dal nucleare all’eolico (off shore)

  1. Pingback: Fukushima, dal 2040 solo rinnovabili | Energie Rinnovate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...