Dall’Australia i pannelli solari di nuova generazione

suntech-power-2È un netto salto di qualità quello compiuto dagli scienziati australiani per quanto riguarda l’efficienza dei pannelli solari. Gli studiosi del Centro di eccellenza nel fotovoltaico dell’Università del Nuovo Galles del sud hanno infatti ottenuto significativi miglioramenti nel design, accelerando di circa un decennio la nascita dei pannelli di nuova generazione.

In particolare, la scoperta effettuata dai ricercatori australiani comporta l’uso di atomi di idrogeno nei pannelli solari per sopperire ai difetti riscontrati nelle celle di silicio.
Come conseguenza, il silicone di scarsa qualità offre lo stesso rendimento dei ‘wafer’ di alta qualità. Come ha dichiarato il direttore del Centro, Stuart Wenham: ” “Il trattamento rende il silicio di basso costo oggettivamente migliore del materiale della migliore qualità usato attualmente”.

I wafer di silicio rappresentano infatti più del 50% del costo dei pannelli solari. ”Usando silicio di bassa qualità si può abbattere drasticamente la spesa – ha aggiunto Wenham – Siamo riusciti a scoprire il segreto che permette all’idrogeno di agire nella maniera desiderata”.

[foto da magazine.liquida.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...