Il made in Italy si tinge di verde

Da Pirelli a Gucci, da Antinori a Benetton, da COOP ITALIA alla società Autostrade, dall’Acqua San Benedetto a Gancia, da ILLY Caffè a TELECOM Italia, dall’Università Ca’ Foscari di Venezia a Tasca d’Almerita, da UNICREDIT all’Università Tor Vergata di Roma.

Sono oltre 70 le aziende italiane che hanno aderito al programma del Ministero dell’Ambiente per la certificazione ambientale dei prodotti a garanzia di una catena di produzione a basso impatto.

Presentata all’Università Bocconi quattro anni fa, l’iniziativa intende promuovere e valorizzare la produzione italiana anche attraverso la scelta di meccanismi e tecnologie capaci di ridurne l’impatto ambientale e, al tempo stesso, di garantire al consumatore l’eccellenza della qualità.

La diminuzione degli inquinanti e del consumo di acqua sono testimoniate dall’adozione, di parte di numerose aziende, di una etichetta che garantisce la promozione di prodotti amici dell’ambiente che rispettano alcune fondamentali caratteristiche durante tutte le fasi di produzione.

In quasi tre anni sono quindi arrivate a 70 le realtà che si stanno adattando alle nuove necessità di mercato e alle nuove esigenze dei consumatori, che fanno sempre maggiore attenzione al peso ambientale di ciò che acquistano.

“L’esperienza di questi anni”, ha osservato il Ministro Corrado Clini “suggerisce che i consumatori finali sono sempre più sensibili al valore ambientale delle proprie scelte, e questo dato sta orientando le imprese  ad assumere in misura crescente la certificazione ambientale del ciclo di vita dei propri prodotti, come scelta volontaria e strategica  per accrescere la competitività in mercati sempre più esigenti ed attenti  ai valori ambientali. Il governo italiano, dopo le iniziative già assunte per il sostegno alla green economy, deve prevedere misure specifiche per la promozione della certificazione ambientale sia  attraverso il green procurement nel settore pubblico, sia attraverso incentivi fiscali. A questo fine dovrà essere utilizzato lo schema di delega fiscale, che all’art.15 prevede misure per la fiscalità verde”.

[foto da madeinitaly1946]

Annunci

Una risposta a “Il made in Italy si tinge di verde

  1. Pingback: La svolta verde degli pneumatici Pirelli | Energie Rinnovate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...