Germania, dal contropiede all’autogol?

Sarà l’approssimarsi dei campionati europei di calcio, sarà la prossima finale di Champion’s che si disputerà a Monaco di Baviera e che vedrà scendere il campo il Bayern, ma la metafora calcistica mi sembra la più appropriata per commentare quanto sta avvenendo alla politica energetica tedesca.

Tutto è iniziato con l’incidente di Fukushima, a seguito del quale il governo tedesco annunciò prontamente la veloce uscita dal nucleare (il contropiede).

Ebbene, è di oggi la notizia che la Germania potrebbe ritrovarsi, entro il 2020, senza l’energia sufficiente a soddisfare il proprio fabbisogno (l’autogol) .

 

La questione è emersa durante una riunione in cui i rappresentanti delle maggiori utilities tedesche come E.ON e RWE AG hanno incontrato Angela Merkel.

In sostanza, è stato calcolato che da qui al 2020 ci sarà un gap di capacità di circa 10 GigaWatt, equivalente a quanto prodotto da una quindicina di centrali elettriche.

 

Ora, la questione è come sostituire l’energia che sarebbe stata prodotta dalle centrali nucleari con alternative fossili poco costose e fonti rinnovabili.

Intanto, l’opposizione ha già accusato la Merkel per non aver redatto prima della dismissione delle centrali nucleari un piano energetico sostitutivo. Da qui l’invito rivolto ai partecipanti alle riunioni (la prossima è fissata per il 23 maggio) affinché concentrino l’attenzione su nuovi piani energetici realizzabili, che contengano incentivi alle rinnovabili ma anche sostegno per nuove centrali a gas che siano di supporto all’intermittenza delle fonti energetiche green.

Insomma, al momento la questione è piuttosto spinosa e la soluzione non sembra essere dietro l’angolo. Chissà, magari tutti si risolverà con un’invenzione in “zona cesarini”.

 

[foto da sportige.com]

 

Annunci

2 risposte a “Germania, dal contropiede all’autogol?

  1. Fosse vero ! Significherebbe che sarebbe indispensabile allestire rapidamente una soluzione,perchè è la necessità che aguzza l’ingegno.
    Del resto è già a buon punto la realizzazione del prototipo del Kitegen ,l’eolico d’alta quota di Massimo Ippolito ,snobbato e ignorato da Stati e apparati su indicazione di interessi forti ,l’ unica soluzione possibile nei tempi stretti. Felice Celestino

  2. Pingback: Germania, record mondiale nel solare | Energie Rinnovate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...