Archivi tag: Fotovoltaico

Solare da record nella terra del Sol Levante

giappone-energia-fotovoltaica-pannelli-solari-corbis--258x258Con quasi 4 nuovi GW di potenza installata, il Giappone si propone come l’autentico mattatore dell’energia solare. Un risultato raggiunto anche grazie al nuovo regime tariffario, che ha permesso al Paese di registrare una notevole crescita sia per nmero che per valore degli investimenti.

Il METI, cioè il Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria, ha reso noto che tra l’aprile e l’ottobre del 2013 sono stati immessi nella rete elettrica nazionale qualcosa come 3993 MW di potenza solare, con un notevole contributo sia in termini di produzione energetica che in quelli di riduzione dell’impatto ambientale.

“Gli impianti fotovoltaici continuano costantemente ad essere attivati, così la capacità totale combinata di tali impianti al 31 ottobre 2013 ha ottenuto 5.852.000 kW dopo che il regime di feed-in tariff è stato introdotto” si legge nella nota ministeriale.

Con i nuovi impianti, la capacità totale di solare fotovoltaico installata ammonta a 11.2 GW, rafforzando la posizione del Giappone come uno dei più grandi mercati solari del mondo e che vanta anche la più rapida crescita.

[foto da ilsole24ore.it]

Alto Adige, arriva il super fotovoltaico galleggiante

fotovoltaico-galleggianteAcqua e sole si sposano con un progetto improntato allo sfruttamento sostenibile del territorio grazie all’innovazione tecnologica.

Secondo uno studio dell’Eurac, condotto dal fisico David Moser dell’Istituto per le energie rinnovabili, se i pannelli fotovoltaici vengono installati su isole galleggianti, sono in grado di produrre il 20% di energia in più.

Se poi queste ‘isole’ si trovano ad alta quota, e vengono dotate del sistema di inseguimento solare, la resa può aumentare sino al 40%.

Così, la Provincia di Bolzano ha incaricato un team di studiosi di effettuare una serie di esperimenti presso i laghi artificiali in val d’Ultimo, in val Senales e sul lago di Resia.

Alla base, l’idea che i pannelli posti sulle dighe potrebbero avvalersi delle infrastrutture degli impianti idroelettrici già esistenti per limitare ulteriormente l’impatto ambientale delle installazioni.

Vero è che resta ancora insoluta la questione dei costi, che per questo genere di impianti sono generalmente superiori. Tuttavia, come ha dichiarato lo stesso Moser, “potrebbe comunque valerne la pena, nell’ottica del potenziamento della produzione di energia alternativa in loco”.

 

[foto da greenstyle.it]

Sempre più rinnovabili nel mondo di Google

thumbnailimage.imgContinua l’impegno ‘green’ di Google, che come i lettori di Energie Rinnovate ben sanno è una delle aziende più sensibili al tema delle energie rinnovabili.

L’ultima novità è particolarmente interessante e curiosa, perché il colosso di Mountain View ha deciso di applicare le proprie innovazioni tecnologiche per facilitare l’installazione di moduli fotovoltaici. Agli installatori della Sullivan Solar Power, infatti, basterà indossare gli ormai celebri Google Glass per avere tutte le indicazioni utili al miglior posizionamento e alla perfetta installazione degli impianti,  rendendo ancora più semplice usufruire di energia prodotta con zero emissioni inquinanti.

Quando ci si trova sui tetti, infatti, è abbastanza complicato riuscire a consultare le informazioni che servono per una perfetta installazione. Inoltre, attraverso gli occhiali speciali sarà anche possibile registrare alcuni video così da avere un archivio dati completo delle istallazioni e delle riparazioni effettuate.

Dal solare all’eolico, è della scorsa settimana la notizia relativa all’investimento di 75 milioni di dollari per l’acquisto di una nuova  centrale eolica nel Texas. L’impianto di Panhandle 2, con 182 MW di potenza istallata dovrebbe essere operativo entro la fine dell’anno con l’istallazione totale di ben 79 turbine.

[foto da power-eng.com]

Italia, rinnovabili oltre il 30%

energie-rinnovabili-italia-india-collaborazione

 

 

 

 

 

 

 

 

Più del 30% del fabbisogno energetico italiano soddisfatto dalle rinnovabili. Questi i dati diffusi dal Gestore dei servizi energetici relativi al 2012, che dimostrano come le FER stiano acquistando sempre più importanza all’interno del mix energetico nazionale.

Per la precisione, il Rapporto del GSE dice che gli impianti alimentati con rinnovabili hanno rappresentato il 37% della potenza complessiva istallata in Italia e il 31% della produzione lorda totale.

Un risultato raggiunto grazie alle nuove installazioni, che hanno determinato un nuovo record di produzione arrivando a 92.222 GWh, l’11% in più rispetto al 2011.

Rispetto al resto d’Europa, nel 2012 soltanto Germania e Svezia hanno prodotto più di noi, che abbiamo scalzato la Spagna dal terzo posto di questa particolare classifica.

A livello regionale, la parte del leone l’ha fatta la Lombardia,  con il 16% della produzione totale. Seguono il Trentino Alto Adige con il 10,5% del totale e il Piemonte con il 9,7%. Una crescita consistente hanno fatto registrare anche Puglia e Sicilia. Nel complesso, il Nord contribuisce per il 54,4%, il Centro per il 14,3% (di cui l’8% proveniente dalla sola Toscana), e il Sud, isole comprese, per il 31,3%.

Per quanto riguarda le diverse fonti, la più produttiva è risultata essere quella geotermica. Nel 2012 gli impianti geotermoelettrici hanno prodotto per 7.243 ore sulle 8.760 ore da cui è composto un anno, pari a un coefficiente di utilizzazione dell’82,7%.

 

[foto da ecoo.it]

Solar Impulse si prepara al giro del mondo

x201304_23_acrossamerica_goldengateflight_revillard_13-35610440

 

 

 

 

 

Ne abbiamo raccontato le gesta prima quando è volato dalla Svizzera al Marocco e poi quando ha compiuto la traversata ‘coast to coast’ degli Stati Uniti. Ora Solar Impulse, l’aereo alimentato esclusivamente dall’energia solare, si prepara a compiere quella che può essere definita ‘la madre di tutte le imprese’: il giro del mondo.

Un progetto che dovrebbe concretizzarsi nel 2015, ma che come ben si comprende necessita di una notevole preparazione. Il pilota e costruttore del velivolo, Bertrand Piccard, sta infatti lavorando al simulatore per testare la propria capacità di resistere ai comandi per oltre 72 ore.

Una prova che André Borschberg, co-fondatore del progetto Solar Impulse, ha già superato nel 2012 riuscendo ad atterrare dopo tre giorni di volo ininterrotto.

Obiettivo della sfida dei due piloti, oltre a dimostrare potenza e affidabilità di un ‘aereo fotovoltaico’, è quello di raccogliere quanti più dati è possibile per migliorare le performance di uomini e mezzi sulle lunghe traversate.

Approfitto di questo post per fare a tutti i miei lettori gli auguri di buon Natale e di un ottimo inizio di anno nuovo. L’appuntamento con Energie Rinnovate è per gennaio del 2014.

[foto da swissinfo.ch]

Congo, elettricità e acqua potabile grazie al solare

africa-solarTre nuovi impianti fotovoltaici che, oltre a produrre energia elettrica pulita, serviranno a portare acqua potabile nelle zone più remote del Congo.

Sono quelle che l’azienda spagnola Sofos Energy sta installando nello Stato africano, confermando l’impegno di alcuni stati europei a sviluppare le fonti rinnovabili nel continente africano. L’accesso all’energia elettrica sostenibile è infatti un tema fondamentale per lo sviluppo sostenibile del pianeta, e anche l’Italia è in prima fila nel combattere questa sfida con il progetto Enabling Electricity promosso da Enel.

Tornando al Congo, le tre centrali sorgono in tre diversi villaggi dislocati in aree piuttosto disagiate e saranno indispensabili per fermare alcune malattie dovute alla mancanza d’acqua.

Ogni impianto è composto da 40 moduli fotovoltaici, per un totale di 9,4 kWp. Inoltre, un sistema di stoccaggio energetico consentirà l’utilizzo dell’elettricità anche di notte.

“Si tratta di una soluzione molto efficace, economica e sostenibile per garantire, oltre all’energia elettrica, anche l’accesso all’acqua e all’uso di servizi igienici” ha dichiarato Raúl Martínez, direttore commerciale di Sofos Energia.

[foto da rinnovabili.it]

Cuba, la revoluciòn si tinge di verde

Cuba+Solar+Power.JPEG-020d2Costruire nuovi impianti fotovoltaici per aumentare la produzione di energia da fonti rinnovabili velocizzando il processo di affrancamento da quelle fossili.

È quanto si propone di fare il governo di Cuba, che oltre alla costruzione di una centrale solare nella provincia occidentale di Pinar del Rio, prevede la graduale integrazione della centrale nel sistema energetico durante il 2014. Durante questo lasso di tempo, l’impianto raggiungerà i 2,5 MW di potenza istallata, mentre la prospettiva finale è quella di raggiungere i 15 MW.

Il nuovo impianto va ad aggiungersi agli altri già presenti nell’isola, la maggior parte dei quali ubicata nella provincia di Pinar del Río, a circa 140 chilometri da L’Avana.
Un’area dove scuole, ospedali e piccole comunità già da tempo producono in maniera autonoma l’energia che consumano.

Non solo, perché la difficoltà di accedere all’energia elettrica è spesso un grave freno  ad alcune attività essenziali per lo sviluppo delle comunità che abitano in zone remote. La zona di Pinar del Rìo può inoltre vantare una discreta produzione di energia da biogas ottenuto sfruttando i rifiuti del settore che si occupa dell’allevamento dei suini, anch’esso parte del programma nazionale per l’espansione delle rinnovabili.

 

[foto da laperfettaletizia.com]

Primo impianto fotovoltaico per il Kuwait

IMG_6042_fotovoltaico-convert-italiaContinuano a crescere le rinnovabili negli Emirati Arabi, nonostante possano vantare una eccezionale ricchezza di petrolio. Chissà, forse è segno che nonostante tutto, anche i ricchi arabi si stanno accorgendo che è necessaria un deciso cambio di rotta nella politica energetica.

E così, pochi giorni fa, il Kuwait ha inaugurato il suo primo impianto fotovoltaico.

Realizzato grazie alla collaborazione della Skytron Energy e dalla Enviromena Power Systems di Abu Dhabi, l’impianto sorge in una delle aree più belle zone del Paese, tra tra le Kuwait Towers e il Golfo Arabico.

La centrale, che vanta una potenza di 117 kWp, è stata inaugurata dal Ministro dell’Elettricità e dell’Acqua del Kuwait. Gli innovativi sistemi installati permettono di visualizzare in tempo reale la quantità di energia prodotta nonché quella delle emissioni evitate. Inoltre, la possibilità di controllo da remoto consente di conoscere in tempo reale il verificarsi di guasti o malfunzionamenti garantendo interventi di manutenzione repentini.

[foto da qualenergia.it]

Parigi, la Gare de l’Est diventa una centrale solare

c8b50fbb-684f-46d6-92cd-1ae431e0ba19È la centrale solare più potente di tutta la Francia, e forse basterebbe questo per parlarne. Ma il fatto che sorga nel pieno centro di Parigi rende la cosa assolutamente eccezionale.

 

Inaugurato dal Sindaco Bertrand Delanoë, l’impianto è infatti installato sul tetto di un vecchio deposito delle ferrovie, la Halle Pajol, oggi trasformato in moderno centro multifunzionale.

E non si tratta solo di un eccellente esempio di produzione energetica sostenibile integrata nel centro cittadino. Perché dalla nuova Halle Pajol partirà la riqualificazione del quartiere, ed è considerato un progetto pilota capace di essere replicato anche altrove.

L’ex deposito si presenta come una struttura metallica lunga circa 140 metri, il cui scheletro è sormontato da una classica tettoia dell’architettura industriale. Ed è proprio qui sopra che sono stati installati i pannelli, orientati a sud e inclinati di 30 gradi.

 

La centrale, in grado di produrre 400mila khw annui, è costituita da 2mila pannelli fotovoltaici che occupano una superficie di 3.500 metri quadri. L’operazione è costata oltre 1 milione e mezzo di euro e verrà in parte ripagata dall’energia solare in eccesso, che il Comune rivenderà a Electricité de France.

L’edificio, infatti, produce più energia di quanta ne consumi visto che è già estremamente luminoso di suo e con esigenze di riscaldamento pressoché nulle. Ma rappresenta senz’altro un manifesto per la città di Parigi, in termini di promozione culturale, di ecologia e di sviluppo sostenibile.

 

[foto da it.aiolusnews.com]

Google, un’azienda sempre più solare

Google Solar PowerContinuano gli investimenti di Google nel campo delle energie alternative e rinnovabili. Il gigante di Mountain View ha infatti deciso di acquistare ben sei parchi fotovoltaici che la Recurrent Energy sta realizzando tra California e Arizona.

Con un valore complessivo di 400 milioni di dollari, gli impianti hanno una capacità combinata di 106 MW, capace di soddisfare la domanda energetica di 17mila famiglie. Inoltre, stando a quanto stabilito dalla Recurrent Energy, dovrebbero entrare in piena operatività a gennaio del 2014.

Google, che pagherà direttamente circa 80 milioni sui 400 previsti (il resto sarà finanziato attraverso equity e debito), sembra quindi intenzionata a rafforzare la propria posizione di grande investitore nel settore delle FER.

A rendere più facile l’operazione, le nuove politiche di sostegno alla produzione di energia rinnovabile adottare dagli USA. Arizona e California sono due tra gli Stati che hanno posto come obiettivo per le proprie utility d’aumentare l’utilizzo di risorse verdi, rendendosi i luoghi ideali per la realizzazione di parchi solari.

 

 

[foto da pennenergy.com]