Riduzione CO2, un successo il programma Onu

Più di 40 sviluppatori di 23 diversi paesi per un totale di 42 progetti. Questi i dati resi noti dalle Nazioni Unite riguardo alle richieste di nuovi finanziamenti per progetti destinati ad abbattere le emissioni di CO2.

Richieste che seguono lo schema di finanziamento presentato lo scorso aprile per favorire lo sviluppo del programma Clean Development Mechanism (CDM), e che ha visto chiudersi la prima tranche con cifre molto incoraggianti.

 

Nei primi giorni di questa settimana, infatti, l’Onu ha affermato di aver ricevuto 22 domande per iniziative che coinvolgono soprattutto la sostituzione delle stufe da cucina e la produzione di biogas.

Oltre a questi progetti di scala piuttosto ridotta, ne sono stati evidenziati altri 11 di ben altra portata che riguardano l’evoluzione tecnologica di settori strategicamente decisivi come quello dei trasporti, del metano e della produzione di energia elettrica attraverso le rinnovabili. Progetti che interessano soprattutto Africa, America Centrale e Meridionale e Asia.

“La maggior parte delle applicazioni di prestito sono state assegnate ai paesi meno sviluppati“ ha dichiarato John Christensen, capo del United Nations Environment Programme (UNEP) Risoe Centre, che segue il sistema insieme con la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e all’Ufficio delle Nazioni Unite per i Servizi ai Progetti (UNOPS).

 

[foto da impactglobalemissionsolutions.com]

 

 

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...