Nucleare: perché dico sì

L’incidente di Fukushima ha messo in luce i rischi delle centrali atomiche. Ma il nucleare non vuole dire solo rischi, ma anche una grande opportunità.

D’accordo, l’incidente di Fukushima ha messo paura un po’ a tutti, ma presto la situazione dell’eterno problema dell’approvvigionamento energetico tornerà a ronzare nelle nostre teste. Un problema che ci trasciniamo da troppo tempo, per via dell’ostinazione a guardare al futuro con la tecnologia del passato.

La pianificazione energetica di un Paese va decisa con razionalità, non con istinto. Basterebbe riflettere su due aspetti per riconsiderare sotto un’altra luce la scelta che abbiamo fatto con il referendum di 25 anni fa.

Primo. Quando abbiamo votato contro il nucleare ci avevano promesso un futuro fatto di energia pulita e sicura, proveniente dal sole, dal vento o dalle viscere della Terra. Invece oggi siamo il Paese più tossicodipendente dal petrolio, più inquinato e con le bollette energetiche più care. Non esattamente quel panorama roseo che ci era stato annunciato.

Secondo. Politici ed esperti vari continuano a ripetere che in occasione del referendum gli italiani hanno manifestato la loro volontà contraria all’energia nucleare, ma. Da allora è passato un quarto di secolo, e la sicurezza delle centrali è maggiore rispetto ai tempi di Chernobyl. Quel reattore si incendiò perché era impiegato sia per scopi civili che per scopi militari, mentre tutti gli esperti possono confermare che i reattori nucleari devono essere deputati ad un’unica destinazione, e non due. Dunque fu l’uso improprio a provocare il disastro. Più in generale, se esaminiamo i casi di incidenti nucleari scopriamo che quasi sempre sono dovuti all’errore umano. Il caso di Fukushima, invece, è dovuto alla concomitanza di due eventi (terremoto e maremoto) del tutto imprevedibili, e non certo dalle deficienze della centrale in questione.

Se avessimo saputo che il nostro futuro sarebbe stato questo, avremmo comunque votato per la rinuncia al nucleare?

Tutti parlano dei rischi di questa scelta, ma proviamo un po’ ad esaminare i vantaggi:

  • petrolio e gas emettono anidride carbonica, inquinando l’ambiente. Inoltre hanno bisogno di una quantità incredibile di investimenti in infrastrutture di supporto, come condutture lunghe migliaia di chilometri, piattaforme e petroliere. Il caso del Golfo del Messico e i naufragi avvenuti nel corso degli anni dimostrano quanti danni il petrolio può causare all’ambiente.
  • Le energie solare, eolica e geotermica sono tutte fornitori di secondo piano e non sono sperimentate su larga scala. Queste tecnologie sono adattabili solo a determinate zone, in funzione rispettivamente dell’illuminazione, della pressione atmosferica e dell’attività fisica del pianeta.
  • Un ipotetico impianto solare da 1000 megawatt richiederebbe 259 chilometri quadrati di estensione e circa un migliaio di volte il materiale necessario per costruire una centrale nucleare della stessa capacità.
  • Una libbra di uranio produce l’energia equivalente ottenuta con 35 barili di petrolio. Una tonnellata di uranio produce più energia di diversi milioni di tonnellate di carbone e petrolio, e i costi di trasporto del carburante sono notevolmente inferiori e c’è meno impatto sull’ambiente dalle attività estrattive rispetto a quelle richieste dagli idrocarburi.
  • L’energia nucleare è l’unica tecnologia collaudata in grado di fornire energia elettrica di base su larga scala, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, indipendentemente dal tempo atmosferico, senza produrre emissioni di anidride carbonica.
  • Il gas naturale rappresenta l’80% del costo per produrre energia da una centrale elettrica, mentre l’uranio incide sul prezzo finale solo per il 5% -10%.

L’uranio è il combustibile del futuro, e l’energia nucleare è la soluzione al problema della domanda crescente su scala globale. Chi si dichiara contrario non è stato finora in grado di offrire alcuna alternativa alle potenzialità dell’atomo. Senza contare il problema della dipendenza energetica che ci rende schiavi delle vicissitudini interne dei Paesi esteri – Libia docet.

Per tutte queste ragioni dico sì al nucleare.

So che molti non saranno d’accordo, ma prima o poi tutti dovremo fare i conti con la realtà che entro pochi anni la fornitura energetica diventerà una priorità per tutti i Paesi del mondo. Siamo vicini all’esaurimento dei giacimenti dei combustibili fossili e il nucleare rimane l’unica soluzione praticabile.

Autore: Helen Dietrich
Fonte: http://www.agoravox.it/Nucleare-perche-dico-si.html

About these ads

Una risposta a “Nucleare: perché dico sì

  1. Solo l’energia nucleare può permettere evoluzioni tecnologiche come la fusine nucleare
    SOlo una grande quantità di energia potrà permettere di desalinizzare milioni di tonnellate di acqua marina che serviranno per scopi potabili e di irrigazione, le riserve di acqua dolce non sono inesauribili e la popolazione mondiale aumenterà sempre più, solo la tecnologia e tanta energia potranno far fiorire i deserti e permettere la produzione di cibo abbondante per tutta l’umanità.
    Solo l’energia nucleare potrà permettere la produzione di idrogeno per autotrazione in grado di soppiantare l’uso di idrocarburi inquinanti per autotrazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...